Immatricolazioni moto tra luglio e agosto per segmento
Immatricolazioni moto tra luglio e agosto per segmento

Osservatorio: il mercato moto di luglio e agosto 2020

I dati del mercato moto di luglio e agosto 2020 si presentano con percentuali ampiamente positive

Il singolo mese di agosto ha colto a sorpresa il record, risultando determinante nel segnare il balzo in avanti del mercato moto di luglio e agosto 2020. Nel bimestre di luglio-agosto 2019 sono state vendute 16.148 moto, e quest’anno si è arrivati a 21.684, con una variazione positiva del +34,3% (migliore di quella degli scooter che è del 26,6%). Questo successo non permette di recuperare le perdite dovute al lockdown ma le limita a un -11,9%; poi occorrerà vedere cosa succederà nei prossimi quattro mesi, quando potremo fare il bilancio di fine anno. (Per vedere le nostre previsioni sulle immatricolazioni 2020 clicca qui)

Analisi sui segmenti del mercato moto di luglio e agosto 2020

Continuano a dominare – e paiono di non aver la minima intenzione di mollare lo scettro – le enduro stradali, con 8.009 immatricolazioni sulle 21.684 del bimestre luglio-agosto, sfiorando il 37% delle vendite. Fino a poco tempo fa erano quasi esclusivamente maxi ma ora a queste si aggiungono le medie, 750 e 500, grazie a più marchi che sono entrati nell’invitante mischia: Benelli, Honda, Kawasaki,
Moto Guzzi, Suzuki, Yamaha…

Tengono bene le classic, con 3.730 immatricolazioni, e le naked. Nel nostro computo sono al terzo e quarto posto, come di consueto le abbiamo divise in due, naked sportive (3.010 moto) e turistiche (2.746), per fornire un’informazione in più; sommandole (5.756) salirebbero al secondo posto.

Variazioni annue

Le naked sono quelle che tengono meglio (qualche punto percentuale in più tra le turistiche e le sportive dipende dal successo di qualche modello); tengono bene le enduro stradali, che seguono l’andamento globale del mercato (-10,9%), mentre calano di qualche punto (ma poco, -13,4%) le classic. Perdite più ingenti (-25,7%) per le custom; le altre categorie non le commentiamo poiché i numeri sono fortemente influenzati dal modello più o meno gradito al momento.

I marchi

Yamaha, Honda e BMW si contendono il podio, classificandosi in quest’ordine nel bimestre luglio-agosto. Nei primi 8 mesi 2020 sale Yamaha di +1,2%, perdono Honda (-0,5%) e BMW (-1,1%), mentre continua l’ascesa della Benelli (+1,5%), che si piazza al quarto posto. Leggero segno più per la Kawasaki; perde qualcosa la Ducati (-1,6%).

I modelli

Nonostante un calo sensibile la BMW R 1250 GS resta al comando della classifica, seguita dalle “solite” concorrenti. Notevole la Benelli, che balza al secondo posto. Le prime sei posizioni confermano il successo delle enduro stradali (e crossover); la prima non-enduro è una naked, la Kawasaki Z 900.

Enduro Stradale

•Nel bimestre luglio-agosto le enduro stradali hanno venduto 8.009 moto, raggiungendo così nei primi otto mesi dell’anno 26.442 unità.

•Il bilancio dei primi otto mesi 2020 è negativo rispetto al 2019 (-10,9%), ma migliore rispetto alla media del settore moto (-11,9%).

•La BMW R 1250 GS perde il 23,7% ma è al primo posto; tengono bene l’Adventure; segno più per la S 1000 XR e la new entry F 900 XR.

•Segni più anche per: Benelli TRK 502 (+1,2%); Honda NC750X (0,7%); Suzuki Versys 650 (15,9%); balzo della Yamaha Ténéré.

•La BMW è prima ma perde oltre 1.800 immatricolazioni (-22,4%); la Honda 801 (-13,9%); la Ducati 1.047 (-39,6%).

•Guadagna bene invece la Yamaha con 1.457 immatricolazioni in più (+11,7%), e segno positivo anche per Benelli (+2,7%) e Kawasaki (+4,5%).

•Cilindrate: tengono le maxi, oltre i 1000 cc, limitando le perdite a -4,4%, e crescono di un buon +10,9% le medie, 501-800 cc.

•In caduta le medio-maxi, 801-1000 cc, che arrivano a -37,6% poiché calano la Multistrada 950, le BMW S 1000 XR, e le F 750/850 GS.

 

Naked

•Nei primi otto mesi del 2020 le naked (turistiche) hanno totalizzato 7.097 immatricolazioni, dato vicino a quello del 2019 (7.245); percentuale -2%.

•Dominano sempre Yamaha e Benelli che si prendono oltre il 50% del mercato (qui vale il prezzo); seguono BMW e Kawasaki e Honda.

•Nei primi otto mesi 2020 scatta BMW (+21%), guadagnano Yamaha (+5%) e Benelli (+4,2%); perdono Honda (-36,9%) e Kawasaki (-20,2%).

•La testa alla classifica non cambia, anche con qualche perdita della Yamaha MT-07 (-18,6%), Kawasaki Z 650 (-27,3%) e Benelli BN 125 (-11,2%).

•C’è una serie di segni positivi, tra cui l’exploit della BMW F 900 R (452 unità) e della Yamaha MT-125. Arriva anche la KTM 890 Duke R.

•Dominano le medie cilindrate (501-800 cc) ma salgono anche le 801-1000, grazie a BMW e KTM; salgono le 125 (segnale confortante).

 

Naked Sportiva

•Buon risultato nei primi otto mesi 2020 per le naked sportive: sfiorano le 1000 unità vendute, con una perdita del -8,5% (media moto -11,9%).

•KTM e Kawasaki tengono anche nel bimestre luglio-agosto, mentre Honda si fa superare da Yamaha, Keeway e Ducati.

•Leggero segno più per la Z 900; tiene la MT-09 e vanno bene la Honda CB650R e la top sportiva Streetfighter V4, all’esordio con 614 moto.

•Interessante vedere le 125: la Keeway è al quarto posto con un notevole +33,3%; seguono KTM 125 Duke, Honda CB125R e Kawasaki Z 125.

•Nei primi otto mesi KTM fa segnare -18,4%, mentre limitano i danni Kawasaki (-7%) e Honda (-5,5%); -29,4% per Yamaha e +44,5% per Ducati.

•Nelle posizioni successive troviamo la Triumph (7° posto), con +5,4%, seguita dalla Suzuki (-19,9%) e dalla MV Agusta (-10,7%).

•Seppur in calo (-21,2%) dominano sempre le medio-maxi (801-1000); segno più per le medie (501-800 cc).

•Spariscono le 250, cilindrata sempre più sostituita dalla 300 che però perdono -17,5%; perdono anche le 125 (-15,6%) ma fanno buoni numeri.

 

Sportiva

•Al settimo posto della nostra classifica, nei primi 8 mesi 2020 le sportive arrivano poco più di 3.000 moto, ma la perdita (-11%) è sotto la media.

•Attualmente il mercato è in mano a Ducati (24,7%), Yamaha (22,6%) e Kawasaki (17,9%); a luglio-agosto la Yamaha passa in testa; Ducati è terza.

•La Panigale V4 segna -30%; la R1 sfiora il +40%; tuttavia i numeri restano modesti.Buon esordio per la Panigale V2; raddoppia la S 1000 RR.

•Non male le piccole cilindrate: la Yamaha 125 è al 6°posto, la R3 al 10°; bene anche le Ninja 400 (11a) e 125 (14a).

•Gli andamenti sono negativi oltre la media per Ducati (-18,3%), Kawasaki (-16,8%) e Suzuki (-31,6%); contenuti per Yamaha (-8,2%) e Honda (-4,8%).

•Positiva BMW ma con numeri piccoli (+56,8%, 232 moto); Aprilia è al 7° posto (-24,8%, 106); seguita da KTM (+9,6%, 103) e MV Agusta (-12,5%, 35).

•La cilindrata dominante è la classica 1.000 cc, l’unica in positivo (+3,1%); in perdita contenuta le medie (-8%); crisi per le 251-500 (-34,4%).

•Come si è visto nella Top 20 le 125 non vanno male, con perdita contenuta in -5,8%; i numeri però sono piccoli (440 immatricolazioni).

 

Custom

•Nei primi otto mesi del 2020 alle custom vengono a mancare 1.175 moto, con una perdita del -25,7%, oltre la media del settore moto (-11,9%).

•L’Harley-Davidson domina sempre il settore (detiene oltre metà del mercato, 51,9%), ma perde qualcosa nell’ultimo bimestre (46,5%).

•In questi primi otto mesi 2020 l’Harley-Davidson perde il 34,4%; Ducati il 61,2%; positiva la Keeway e stabili Honda e Kawasaki.

•La Honda è sempre al primo posto, quasi replicando il 2019 (-3,4%); segno positivo per la Keeway, con due modelli simili (537 moto in totale).

•L’Harley-Davidson è forte con la Low Rider S (considerando che parte da 20mila euro), perde però metà delle Iron 883. La Diavel sfiora il -62%.

•La cilindrata dominante è stabilita dall’Harley-Davidson; un buon segno positivo arriva dalle 125, con un +15,4% (ma i numeri sono piccoli).

 

Mercato moto luglio agosto 2020: Enduro

•Segmento interessante, molto tecnico ma dai numeri interessanti, meglio delle custom e delle sportive; nei primi otto mesi è al -10,9%.

•È sempre dominato dai marchi storici: Betamotor, KTM, Fantic… Quest’ultima nel bimestre luglio-agosto passa in testa con il 24,7%.

•Nei primi 8 mesi del 2020 se la giocano Betamotor (-11,6%) e KTM (-22,9%); stabile la Fantic; un balzo per la TM Racing (314 immatricolazioni).

•In testa alla classifica c’è ancora la Fantic Motor (enduro + motard); di nuovo segno positivo per la Betamotor RR 300.

•Dal terzo al sesto posto domina il gruppo KTM/Husqvarna (cilindrate 250-300); all’ottavo c’è la TM Racing con la SRM 125.

•In tema di cilindrate dominano sempre le 300 cc; le 125 continuano a far buoni risultati (-8,5%); perdono le 126-250 (-15,5%).

 

Classic

•Buoni numeri per le classic, 10.554 immatricolazioni in 8 mesi, ma la perdita (-13,4%) è superiore alla media del settore moto (-11,9%).

•Triumph prevale nei primi otto mesi del 2020 ma allo sprint luglio-agosto la Benelli passa in testa; invariata la classifica degli inseguitori.

•Il sorpasso della Benelli è dovuto a un +18,9% (-22,5% Triumph). Nella media la perdita di Moto Guzzi (-12%); più alta per Ducati (-25,1%) e BMW (-29,8%).

•Nello sprint passa in testa la V7 (-9,8%) ai danni della Scrambler (-27,4%). Benelli: perde il Leoncino (-40%), arriva l’Imperiale 400.

•Percentuali negative ma tengono la posizione i Caballero (-7,6%), la XSR 700 (-23%), la Street Twin (-35%) e la R nineT Scrambler (-28,3%).

•Tra le cilindrate svettano la 801-1000 cc (-29%) e la 251-500 cc (-1,7%); segno positivo per la 126-250 cc, sfiora il +75% (ma numeri piccoli).