Motor Bike Expo 2021 Special Edition

Motor Bike Expo 2021 Special Edition: grande affluenza di pubblico

Il Motor Bike Expo 2021 apre la nuova stagione motociclistica: è il primo grande evento motociclistico dopo 15 mesi di chiusura delle attività. Grande successo di pubblico, presi d’assalto i demo ride.

Non è certo stato facile organizzare questo Motor Bike Expo 2021, tant’è che la data è stata rimandata per ben tre volte. Questa incertezza – che abbiamo vissuto fino all’ultimo – legata all’andamento imprevedibile della pandemia ha complicato una situazione già difficile, segnata dalla carenza di materie prime e dalle difficoltà nei trasporti internazionali. Gravi problemi che hanno influenzato pesantemente la produzione e la consegna delle moto. 

Queste difficoltà le hanno subite le case motociclistiche ma anche molti customizer, per questo non tutti erano presenti e chi c’era ha mostrato un numero limitato di novità. Ma al pubblico questa formula estiva è piaciuta: c’è stato un grande afflusso a Veronafiere, e oltre a riempire il parcheggio interno riservato alle moto è stato dato l’assalto ai demo ride. Ne sono stati fatti circa 1.500.

I Demo Ride

La bella stagione ha favorito le attività all’aperto, e tante case, nonostante le difficoltà citate, hanno offerto le loro moto per i demo ride. Erano presenti: Aprilia, Benelli, BMW, Harley-Davidson, Honda, Kawasaki, Moto Guzzi, MV Agusta, Royal Enfield, SWM e Yamaha. Le prove sono state più che soddisfacenti, si sono svolte infatti guidando “veramente” su percorsi esterni a Vernoafiere, scortati da apripista e “scopa”.

Tra gli ospiti sono da citare due grandi rivali della Paris-Dakar, Ciro De Petri e Franco Picco, entrambi presenti con le loro moto, la Cagiva Elefant in livrea Lucky Strike del 1989 e la replica bicilindrica della Yamaha Chesterfield, equiparabile alla Ténéré modificata da Yamaha Belgarda per Angelo Signorelli per la Dakar ‘90.

Federmoto

Ha avuto luogo, infine, la premiazione dell’Iron Touring FMI. Iniziativa volta a valorizzare in chiave mototuristica le bellezze del territorio. È stata organizzata in chiave “special”, con tour guidati nella provincia e due categorie: Street Run, per moto stradali, e Mud Run per le scrambler. In entrambi i casi le moto erano personalizzate e sono stati assegnati pure i titoli: il King of Street Run è andato a Tommaso Albertini per la sua Honda CBX; quello di King of Mud Run a Tommaso Bertani, con una rivisitazione su base Honda Dominator.

Vi siete persi il Motor Bike Expo 2021? Peccato!

Peccato perché nonostante limiti e mascherine è stata una festa straordinaria, non solo per le moto ma anche per rivedersi finalmente dal vivo. Come rimediare? il prossimo appuntamento con il Motor Bike Expo 2022 non è lontano: si terrà dal 13 al 16 gennaio.