Mercato moto di settembre 2022

Mercato moto e scooter settembre 2022: alti e bassi

Risultati altalenanti per il mercato moto e scooter settembre 2022. Nel complesso settembre segna un -3,6%, ma le moto sono in positivo, +5,5% e pure i ciclomotori, +9,3%. Negativi gli scooter, -11,5%. Nel cumulato si avvicina il pareggio: -2,6%.

Dopo il segno positivo mostrato ad agosto dal mercato globale – moto, scooter e ciclomotori – torna il segno meno. Se però andiamo ad analizzare i tre settori vediamo che le moto mostrano un buon segno più, idem i ciclomotori, e anche questo mese sono quindi gli scooter a frenare.

Prima di vedere i numeri nel dettaglio, del mese e del cumulato, passiamo alla dichiarazione di Paolo Magri, presidente di Confindustria ANCMA: “Ci confrontiamo con un 2021 molto positivo e con un contesto attuale ancora condizionato da residuali problemi di approvvigionamento, a cui si aggiungono le incertezze provocate dalla situazione economica e da quella geopolitica. Malgrado questo non si affievolisce il desiderio di due ruote, soprattutto negli ambiti di mercato tradizionalmente più caratterizzati dalla passione. Una tendenza che, insieme al nuovo protagonismo che negli ultimi anni le due ruote hanno comunque conquistato nella mobilità urbana, siamo pronti a incanalare e valorizzare in EICMA, il nostro evento espositivo internazionale di novembre, dove l’industria motociclistica porterà a Milano il presente e il futuro del settore”.

Il mercato moto e scooter di settembre 2022

A settembre la tendenza del mercato è quindi negativa: il mese chiude con 22.464 veicoli venduti, tra moto, scooter e ciclomotori, corrispondenti a un calo del -3,6% su settembre 2021. Continua la discrepanza tra i risultati dell’immatricolato: le moto, con 9.355 unità vendute (486 più di settembre 2021) mostra un buon segno positivo, +5,5%, mentre gli scooter, con 11.282 immatricolazioni (quasi 1.500 in meno rispetto a settembre 2021) segnano un -11,5%. Ancora buona la prestazione dei ciclomotori, i numeri del venduto non sono alti, 1.827 mezzi, ma la crescita è del +9%.

Il cumulato da gennaio

Come anticipato la perdita dei primi nove mesi dall’inizio dell’anno è contenuta: la flessione è del -2,6%, con 244.559 vendite tra moto, scooter e ciclomotori, sono 6.500 i mezzi che vengono a mancare rispetto al 2021. Un ottimo risultato per le moto, che nonostante qualche mese in negativo, sebbene leggero, hanno recuperato, e con un cumulato di 108.265 immatricolazioni (su 103.491 del 2021) mettono a segno un +4,6%. Al quale si contrappone, come ci si poteva prefigurare, quello negativo degli scooter: 118.025 immatricolazioni di quest’anno contro le 132.021 dell’anno scorso (14.000 in meno), con una percentuale di crescita negativa del -10,6%. Sempre nel cumulato vanno bene i ciclomotori, con 18.269 mezzi venduti (oltre 2.700 in più rispetto allo scorso anno), e una percentuale di crescita molto alta: +17,5%.

Mercato moto e scooter settembre 2022

L’elettrico rallenta?

Come sempre è difficile analizzare l’andamento dell’elettrico tra l’influenza delle flotte e degli incentivi. A settembre l’assenza di questi ultimi frena il mercato, che fa registrare il segno meno: -8,4% e 920 unità vendute. Non è un dato preoccupante, poiché resta sempre molto alta la crescita dall’inizio dell’anno, con un incremento del +59,6% pari a 12.873 veicoli (nel dettaglio, scooter +63,8%; ciclomotori +59,7%; moto +18,2%), sempre a confronto con il 2021.