Mercato moto e scooter marzo 2022: segno meno ma positivo

Debole segno negativo del mercato a marzo (-3%), ma la tendenza resta sempre ampiamente positiva: ben +16,1% per le moto; tornano positivi i ciclomotori; negativi, al contrario, i numeri degli scooter

Come abbiamo visto nel nostro precedente osservatorio di mercato, il 2021 si è chiuso molto bene, con un +21,2% sul 2020, ed è stato positivo anche rispetto all’anno pre-pandemia, il 2019, con un +14,5%.  Quest’anno il mercato era ripartito molto bene, a gennaio ha segnato un +5,9%, ma a febbraio ha mostrato il primo segno negativo (-4,8%), e ora a questo si aggiunge marzo (-3%). Parliamo del mercato globale, e i segni meno sono dovuti a un calo repentino del settore scooter, che però non indica una recessione e deve essere valutato correttamente.

Non si tratta infatti di un’effettiva battuta d’arresto nella domanda, ma è la conseguenza delle difficoltà che riguardano l’approvvigionamento delle materie prime, che rallentano la produzione. A questo aggiungiamo poi anche le difficoltà dei trasporti (dai costi lievitati), problemi che affliggono tutti i settori.

Si deve infine considerare un altro evento che peggiora questo dato cumulativo: i dati dei primi mesi del 2021 mostravano un generoso segno positivo per gli scooter dovuto a una grossa commessa di veicoli da parte di Poste Italiane proprio in quel mese, forniti da Piaggio; senza questo importante ordine il bilancio del settore sarebbe stato meno brillante. Scomponendo il dato globale troviamo quindi una flessione degli scooter (-18,4%), mentre continua la notevole tendenza positiva delle moto (+16,1%); mese brillante, infine, anche per i ciclomotori che chiudono finalmente in positivo: +7,4%. Vediamo i dettagli del mercato moto e scooter di marzo 2022.

Il mercato moto e scooter di marzo 2022

A marzo il totale delle vendite due ruote a motore, moto, scooter e ciclomotori, raggiunge le 29.662 unità, con quel calo di cui si è detto (3%). Numero negativo dovuto agli scooter, che con 13.498 immatricolazioni arrivano a -18,4%. Bene, invece, gli altri segmenti: vanno sempre forte le moto, che con 14.442 veicoli immatricolati fanno segnare un notevole +16,1%, e tornano positivi anche i ciclomotori, dopo una serie di segni più e meno alternati: sono stati venduti 1.722 mezzi, che corrispondono a un convincente +7,4%.

I primi tre mesi dell’anno

Abbiamo detto che i numeri negativi del mercato globale non ci devono impensierire, e infatti, malgrado i segni meno di febbraio e marzo, il primo trimestre dell’anno chiude comunque in modo positivo. Con 64.809 veicoli registrati, la percentuale di crescita è favorevole, benché leggermente: +0,2%. Per quanto detto in precedenza è facile intuire che i protagonisti di questo buon andamento sono le moto, che con 32.688 immatricolazioni nel primo trimestre fanno segnare un ottimo +21,5% (sul primo trimestre del 2021). Bilancio positivo anche per i ciclomotori, che con 4.763 pezzi mostrano anch’essi un aumento a doppia cifra (+15,9%). Sempre nel trimestre rimangono invece in area negativa gli scooter, che con 27.358 immatricolazioni si bloccano sul -18,6%.

 

L’elettrico

Concludiamo il commento sul mercato globale con l’elettrico, che continua la sua crescita sostenuta. A febbraio (tra L1e e L3e) siamo rimasti a 878 veicoli venduti, pari a un incremento del +32%; ora le vendite di marzo sono ancor più brillanti: saliamo a 1.486, con un incremento del +66,2% rispetto a marzo 2021. Con questi ultimi dati la percentuale di crescita sembra essersi stabilizzata, infatti nel primo trimestre 2022 troviamo ottimo risultato: con 3.424 veicoli registrati, la percentuale di crescita rispetto al primo trimestre 2021 si attesta su un brillate +67,27%.