Logo Adira Bike

ADIRA Bike: il futuro dell’aftermarket nelle moto?

ADIRA Bike è un progetto di ambito nazionale ed europeo volto a promuovere l’adozione per le moto delle stesse norme che tutelano l’aftermarket indipendente per le auto. A volerlo fortemente è stata Bergamaschi, dal 2021 partner di riferimento per le due ruote dell’Associazione Distributori Indipendenti Ricambi Autoveicoli (ADIRA).

Il settore moto è caratterizzato da un forte squilibrio competitivo a favore delle reti ufficiali, che possono escludere gli operatori indipendenti dall’intervento in garanzia sulle moto e impedire l’utilizzo di componenti non originali per le manutenzioni, pena la decadenza della garanzia. Per risolvere questo squilibrio si è deciso di creare all’interno di ADIRA il progetto ADIRA Bike, per far ottenere maggiori tutele per l’aftermarket indipendente.

Seguirà un secondo step, con il coinvolgimento degli operatori specializzati nella distribuzione di componenti moto, in sintonia con FIGIEFA, che recentemente ha inserito nella propria agenda il settore moto.

Con l’ingresso di Bergamaschi, uno dei leader italiani della distribuzione di componenti aftermarket per ciclomotori, scooter e motocicli, l’Associazione ha acquisito una competenza di mercato precedentemente assente. Una prima stima delle condizioni della concorrenza all’interno del segmento moto, con particolare riferimento agli operatori indipendenti, è stata effettuata da Domenico Mainoli (Direttore Generale Bergamaschi Spa) per la parte mercato, e da Piergiorgio Beccari (legale e Presidente “ad interim” di ADIRA) e per la parte giuridica.

ADIRA Bike: le prime azioni in programma

ADIRA Bike si confronterà subito su questi punti:

  1. Mantenimento della garanzia sul motoveicolo anche se l’intervento di riparazione e manutenzione viene effettuato da operatori non appartenenti alle reti ufficiali;
  2. Riconoscimento della caratteristica di equivalenza dei componenti aftermarket rispetto a quelli OES e quindi la possibilità del loro uso per gli interventi di manutenzione nel periodo di garanzia;
  3. Accesso alle informazioni tecniche dei costruttori;
  4. Monitoraggio e segnalazione delle attività dei costruttori potenzialmente lesive degli operatori indipendenti;

Su queste attività sarà coinvolto anche il team di gestione delle relazioni istituzionali di ADIRA, che saprà veicolare le richieste dell’associazione verso gli interlocutori istituzionali più opportuni e concorrerà ad attivare tutti gli organismi interessati.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Dichiara Domenico Mainoli: “ADIRA ha le competenze giuridiche e la struttura che serve al nostro settore per iniziare lo stesso percorso compiuto dall’auto negli ultimi due decenni. Noi supportiamo questo lavoro con le nostre competenze e con tutte le informazioni necessarie che reperiamo quotidianamente dal mercato. L’auspicio è che si uniscano in questo progetto tutti i principali operatori della distribuzione aftermarket moto e, perché no, anche qualche produttore.”

Piergiorgio Beccari: “È un po’ come tornare indietro agli inizi di ADIRA: situazioni simili e simili condizioni di mercato, ma anche molto entusiasmo e voglia di fare. La posizione di assoluta indipendenza di ADIRA ne fa il contesto migliore per affrontare tutte le tematiche e le relative battaglie che comporta un tale progetto”.

Chi è ADIRA?

ADIRA è l’Associazione Italiana dei Distributori Indipendenti di Ricambi Aftermarket, costituita nel 2004 su iniziativa di un gruppo di operatori del settore. È indipendente e senza fini di lucro, e ha il ruolo di rappresentare e difendere gli interessi della categoria dei Distributori Indipendenti presso le Istituzioni Italiane ed Europee. Opera da 16 anni avendo sempre come obiettivo prioritario quello di unire tutti i distributori indipendenti che condividono le sue idee e i suoi valori, a prescindere dalle loro dimensioni.

Adira è membro di FIGIEFA (www.figiefa.eu), la Federazione Internazionale dei distributori dell’aftermarket indipendente (IAM).

Per associarsi ad ADIRA e ottenere le informazioni sui servizi e consultare il sito web www.adira.it nelle sezioni Iscrizione e Contatti.